SOLIDARIETA’ CON STUDENTI, FAMIGLIE E DOCENTI:  L’ONDA DEL DISSENSO  CRESCE E MINACCIA DI SOMMERGERE  GLI IGNORANTI CHE CI COMANDANO

Nessuno può rimanere indifferente di fronte allo sfascio imposto alla scuola pubblica e all’università, che sottrae  ai ragazzi gli unici strumenti realmente formativi  per  limitare i danni imposti dal rincoglionimento delle TV, dei videogiochi e dei telefonini ultima generazione.
Il piano dell’attuale governo è chiaro a tutti: dirottare i soldi della scuola verso altre aziende, (banche, Alitalia, ponte sullo stretto, missioni e soldati inviati all’estero allo sbaraglio, fondi per il culto): prima d’ora eravamo in pochi ad urlare al vento e a dirci preoccupati per la deriva che la nostra democrazia stava assumendo, adesso l’Onda cresce giorno dopo giorno con l’afflusso continuo di studenti, docenti e genitori, che si vedono defraudati del diritto all’istruzione pubblica.
L’assalto in Piazza Navona da parte di fascisti armati di spranghe tricolore rappresenta il tentativo di distruggere un movimento di massa attribuendolo a semplici scontri tra fazioni opposte o ad attacchi di “facinorosi” (così Berlusconi chiama i ragazzi che scendono in piazza). Una simile operazione, preannunciata da Kossiga, in salsa squadrista e di regime è vergognosa ed inutile.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci
“Il governo, prendendo esempio dai peggiori dittatori sudamericani degli anni sessanta, sta infiltrando il movimento, al solo scopo di provocare disordine”. Riccardo Messina, coordinatore nazionale della Fgci, la federazione giovanile del Pdci, informa che “a breve, sul fgci.it  pubblicheremo un video in cui si dimostra che dalle 11 del mattino i fascisti di Blocco studentesco, armati di spanghe, attaccavano studenti inermi lì solo per manifestare pacificamente. Si vada a leggere su questo la testimonianza del noto comunista Curzio Maltese”. In qualsiasi caso, prosegue, l’esponente comunista, “non ci fermerà nessuno e sul sito http://www.taglialagelmini.it è sempre attivo lo sportello di consulenza legale gratuita on line. Alle provocazioni del governo e dei fascisti reagiremo rilanciando la lotta e la mobilitazione”.

Roma, 31 ottobre 2008